Acque del Chiampo e Plastic Free

 

 

COMUNICATO STAMPA

 

Un progetto che mira ad azzerare gradualmente la plastica, partendo dalle sedi della Società per dare il doveroso buon esempio, con dei numeri ben precisi: 4.200 bottiglie d’acqua, 54.000 bicchieri di plastica, pari a importanti quantità di rifiuti all’anno, e tanta CO2 in meno in atmosfera. 

Sono queste le cifre che Acque del Chiampo, che gestisce il servizio di acquedotto civile e industriale della Valle, vuole diminuire fino ad eliminarle totalmente. 

Il progetto si chiama, naturalmente, “AdC Plastic Free” ed è partito dalla sede di Via Ferraretta con la prospettiva di coinvolgere anche altri partner del territorio.

Perciò niente più bottiglie d’acqua e bicchieri presso la mensa e nei distributori automatici: al loro posto erogatori di acqua , bicchieri biodegradabili ai distributori di bevande calde e borracce per tutti i dipendenti.

Ma, come richiesto dalla Assemblea dei Soci, al via anche un progetto didattico dedicato alle 

scuole dei comuni soci per promuovere la cultura dell’uso della risorsa fornita dal Gestore del Servizio Idrico e, più in generale, contribuire a ridurre la presenza di bottiglie di plastica immessa nel consumo quotidiano. Acque del Chiampo infatti avvierà una serie di incontri-seminari nelle scuole elementari che aderiscono a questa iniziativa in cui i tecnici della Società, coadiuvati da professionisti esterni, assieme agli Amministratori locali illustreranno i servizi del ciclo idrico integrato e, in particolare, il servizio di erogazione di acqua destinata al consumo umano, a partire dalle opere di captazione sino alla distribuzione nelle singole utenze. Alla fine di questi seminari verrà chiesto ai bambini delle scuole di predisporre un elaborato grafico-pittorico sulle tematiche affrontate che sarà oggetto di selezione e premiazione. Il vincitore di ogni scuola riceverà un  soggiorno di una settimana per tre persone ed altre bei premi all’insegna dell’istruzione e del divertimento in famiglia, mentre tutti i partecipanti riceveranno una bellissima borraccia.

Acque del Chiampo donerà inoltre un dispenser d’acqua fornito da Acquaviva WT, partner del progetto, erogata dall’acquedotto dotato anche di filtri a carboni attivi, da installare nei locali della scuola stessa. I dispenser saranno uno per ogni scuola elementare aderente al progetto tra i Comuni soci di Acque del Chiampo . Oltre al dispenser saranno fornite alle scuole anche borracce da riempire con acqua erogata dai dispenser con i loghi di Acque del Chiampo e del Comune di appartenenza.

L’iniziativa ha lo scopo di spingere i bambini a ridurre gli sprechi ed il consumo di plastica delle bottiglie, contenendo la quantità di rifiuti plastici e quindi anche i relativi costi di trasporto e smaltimento.

Hanno aderito al progetto i dirigenti scolastici Frigotto, Saggioro e Bertolucci con le scuole di Arzignano (Giuriolo, Pellizzari,Verlato, De Amicis), Montorso (Da Porto), Montecchio Maggiore (Don Milani), Nogarole (Don Albanello), Lonigo (Giusti, Don Bosco, Scortegagna), Brendola (Boscardin) e Chiampo (Negro).

L’intero progetto verrà inaugurato nei prossimi giorni con la consegna alle scuole dei dispenser delle borracce ai ragazzi insieme alla tessera Viviparchi entro dieci giorni dall’adesione, mentre ci sarà circa un mese di tempo per la produzione degli elaborati che verranno valutati da una Commissione cui seguirà la premiazione prevista entro il prossimo Natale.

“Un progetto a cui lavoriamo da tempo su indicazione dei nostri Soci e della consolidata politica di sostenibilità ambientale che contraddistingue Acque del Chiampo ed il Territorio servito” - dichiara il Consigliere Delegato di Acque del Chiampo, Andrea Pellizzari - “e che ci offre la possibilità di dare un contributo significativo al percorso di crescita personale ed educativo delle nuove generazioni nel rispetto dell’acqua e dell’ambiente”

“Accompagnare i bambini ad abbandonare l’uso della plastica è un concetto che era sconosciuto qualche anno fa” - ha aggiunto il sindaco di Brendola, Bruno Beltrame, - “ma oggi è una priorità che va resa buona abitudine partendo dalla scuola e pertanto elogio e sostengo il progetto presentato”

“Un’occasione per voi che vi viene offerta dalle Istituzioni ed un’opportunità di crescita” - ha commentato l’assessore all’Istruzione di Arzignano, Valeria Dal Lago rivolgendosi direttamente ai bambini delle scuole.

“L’ambiente è il luogo in cui viviamo e va conservato e protetto, questo è un approccio che va esattamente in questa direzione e che ci ricorda i dettami di Lord Baden Powell fondatore dello scoutismo” - le fa eco l’assessore all’Ambiente sempre di Arzignano, Giovanni Lovato .

“Siate rivoluzionari” - ha concluso Matteo Macilotti, sindaco di Chiampo e Consigliere Provinciale con delega all’Ambiente - “perchè siamo in mezzo ad una rivoluzione, quella del clima e in questa rivoluzione le nuove generazioni hanno gia scelto di proteggere il pianeta e di essere dei moderno rivoluzionari”

 

Arzignano, 15 ottobre 2019