23
aprile

2014

Analisi 1° quadrimestre 2014

L’acqua distribuita da “Acque del Chiampo” presenta caratteristiche confrontabili con le acque OLIGOMINERALI, favorisce la digestione ed è indicata per le diete povere di sodio.

L’obiettivo del controllo e delle analisi dell’acqua è quello di garantire la potabilità dell’acqua distribuita, cioè garantire che risponda ai requisiti previsti dalla normativa vigente (D.lgs n. 31/01)

  • verificando le caratteristiche dell’acqua di approvvigionamento
  • controllando l’efficacia degli eventuali impianti di potabilizzazione o disinfezione
  • verificando il mantenimento della qualità dell’acqua nella rete di distribuzione

I PUNTI DI CAMPIONAMENTO

Analisi periodiche eseguite in questi punti del sistema acquedottistico:

SISTEMA ACQUEDOTTISTICO NUMERO PUNTI CAMPIONAMENTO
Arzignano – Centro Idrico Canove 8
Arzignano - Chiampo –Centro Idrico Grumello 5
Chiampo - Pozzi Nord 5
Montorso 4
Papalini 5
Brassavalda 6
Montecchio - Centri Idrici Longa e Natta 5
Brendola - Centro Idrico Madonna dei Prati 4
Lonigo 4

Per tutti questi sistemi la frequenza di campionamento è mensile.

Tale frequenza garantisce la tempestiva individuazione di eventuali situazioni anomale.

Ci sono poi una serie di piccoli sistemi periferici collinari a Crespadoro, Chiampo e Arzignano; anche questi sistemi sono monitorati con più punti di campionamento e con frequenza bimestrale/quadrimestrale in relazione alla quantità di acqua distribuita.

Acque del Chiampo, sulla base del Decreto Legislativo n. 31 del 02/02/2001 e sulla base delle Linee Guida Regionali Allegato A al Decreto Regionale n.15 del 09/02/2009 ha predisposto un programma annuale dei controlli, fissando i punti di campionamento e le frequenze dei campionamenti stessi.

PROTOCOLLO ANALITICO

Il protocollo analitico prevede 3 tipi di controlli, controllo di routine, controllo periodico, controllo di verifica.

  • Con il controllo di routine sono valutate le qualità organolettiche e microbiologiche delle acque fornite, verificando l’efficacia della disinfezione
  • Con il controllo periodico, ai parametri previsti con il controllo di routine, sono aggiunte altre specie chimiche che permettono una valutazione completa della qualità dell’acqua.
  • Con i controlli di verifica state ricercate anche le sostanze indesiderate quali i metallli, solventi clorurati, pesticidi, solventi aromatici, ecc.

SCELTA DEI PUNTI DI CAMPIONAMENTO

La scelta dei punti i campionamento è fatta sulla base dei seguenti criteri: 

  • complessità dell’acquedotto, prevedendo campionamenti alla captazione, agli impianti di accumulo e disinfezione ed in distribuzione;
  • punti di campionamento rappresentativi delle caratteristiche dell’acqua nei diversi punti della rete nell’arco dell’anno;
  • eventuali situazioni di criticità della rete acquedottistica e/o eventuali problematiche emerse nell’anno precedente. Nel corso dell’anno il programma di campionamento può essere integrato con altri campionamenti che si rendessero necessari ad esempio a seguito di particolari manutenzioni o altro.
  • Il numero dei controlli è definito sulla base del volume d’acqua distribuito ed è calcolato in base alla formula contenuta nella tabella B1 dell’allegato II del D.Lgs 31/01.